Porto di Cagliari

Del porto di Cagliari si hanno testimonianze già nell’epoca fenicio-punica e proseguono con il periodo romano. Tuttavia fino al Novecento, quando ha assunto l’aspetto attuale, non era altro che un porticciolo, separato dal centro abitato da delle possenti mura. L’area portuale precedente all’Unità di Italia era caratterizzata dalla presenza del palazzetto, denominato Sanità, che veniva utilizzato per controllare le merci e gli animali che venivano trasportate presso la città di Cagliari, in modo da scongiurare eventuali epidemie. In prossimità di tale struttura, che era ubicata dove oggi si trova il Molo Sanità, che ne ha ereditato il nome, era un porta che consentiva l’accesso al quartiere della Marina, e anch’essa smantellata con la cinta muraria. Gli interventi ottocenteschi portarono allo sviluppo del molo della Darsena e di quello della Sanità, nonché all’allontanamento della riva dello scalo marittimo dal quartiere della Marina. Tuttavia, nel 1943, Cagliari fu colpita da una serie di poderosi bombardamenti, che comportarono la distruzione del porto in diversi punti e della piccola stazione marittima. Nell’immediato dopoguerra la zona portuale venne ampliata e fu demolita la Dogana, per fare spazio ad una nuova carreggiata.

Servizio traghetti Sardegna a cura di Traghettilines

I servizi previsti dal Porto di Cagliari

Il porto di Cagliari, che è il primo scalo marittimo dell’isola per quanto riguarda il trasporto persone e merci, prevede un terminal passeggeri, che è posizionato nei pressi di via Roma, nonché una stazione marittima, dove è presente un bar, un ristorante self-service, i servizi igienici, una biglietteria, un ufficio informazioni ed un deposito bagagli. Tuttavia, presso tale area si ritrovano anche servizi di assistenza disabili (toilette, parcheggi riservati, mezzi per imbarco/sbarco, telefoni, ascensori con pulsanti Braille), nonché una zona taxi ed una preposta al noleggio di vetture. É disponibile anche un bus navetta, che trasporta i turisti in vari punti dell’abitato. Infine, per garantire la sicurezza dei viaggiatori, che fanno scalo presso il porto di Cagliari, è attivo un servizio di vigilanza, sia diurno che notturno.

La struttura del Porto di Cagliari

traghettilines
Il porto di Cagliari, che rappresenta lo scalo marittimo più importante per il collegamento tra l’Italia continentale e la Sardegna, è caratterizzato da 3 aree principali:

  • il porto industriale, che è quello più moderno, dove si trova il porto canale, ovvero una infrastruttura risalente agli anni Ottanta, utilizzata per lo smistamento ed il trasporto delle merci in container. Tale zona, che interessa l’antico quartiere dei pescatori Giorgino, occupa circa 1.600 metri e presenta 5 accosti per traffico transhipment e Ro-Ro;
  • il porto antico, che è quello più vetusto ed il più vicino al centro cittadino, poiché dislocato a ridosso di via Roma. Qui si trova il Nuovo Bacino di Ponente, il Nuovo Bacino di Levante, la Darsena di Su Siccu, la Darsena del Sale ed il Porto Interno. Inoltre, tale zona, che si sviluppa su 5.800 metri di banchina, funge da punto di approdo per i traghetti e le navi da crociera;
  • il porto petrolifero, che è quello posizionato in località Sarroch – Porto Foxi, presenta attracchi per 17 imbarcazioni, ed è al completo servizio di una delle più importanti raffinerie nazionali.

Presso Molo Sanità si trova, invece, la Stazione Marittima, che presenta in prossimità dei punti di imbarco delle navi da crociera e dei traghetti alcuni importanti servizi. Il porto della città di Cagliari si estende su una superficie di 554.600 metri quadrati. Presenta 30 banchine e 5.500 metri di accosti dislocati in corrispondenza dei pontili off-shore del terminal petrolifero.

Le compagnie marittime del Porto di Cagliari

Attualmente i traghetti che favoriscono i collegamenti con il resto della Penisola appartengono esclusivamente alla compagnia di navigazione:

Il porto di Cagliari rappresenta l’accesso marittimo principale alla parte meridionale della Sardegna, e viste le sue imponenti dimensioni, è l’ideale per accogliere le navi veloci adibite al trasporto passeggeri e veicoli (auto, camper e moto).

Come raggiungere il Porto di Palermo

Lo scalo marittimo di Cagliari è situato nei pressi dell’abitato ed è servito da numerose linee di autobus urbani. In corrispondenza delle banchine portuali, inoltre, si trova la stazione dei bus, che prevede arrivi e partenze da tutte le località della Sardegna. Qui a pochi metri è dislocata anche la stazione ferroviaria, che è collegata a Sassari, Oristano, Olbia e Porto Torres. A 10 chilometri di distanza dal porto si trova, invece, l’aeroporto di Cagliari Elmas, dal quale è possibile usufruire di taxi o di un ottimo servizio bus-navetta. Per raggiungere il porto in auto dalla SS131, è necessario prendere per Cagliari Centro ed imboccare la SS131dir. Quindi, proseguire sull’Asse Mediano di Scorrimento, prendere l’uscita  Centro – Porto e raggiungere via Roma, che è posizionata proprio di fronte allo scalo marittimo. Da qui basta seguire le indicazioni per raggiungere la zona preposta agli imbarchi. Per chi arriva, invece, dalla SS125var, deve uscite in corrispondenza della SS554 e poi svoltate sulla SS125 Orientale Sarda, e seguire le indicazioni per il porto, che sono estremamente chiare.

traghettilines